settembre 21, 2017     | Registrazione
I personaggi

Evelina, tutta una vita rinchiusa dentro le cornici dei suoi quadri, fin quando le immagini non tracimano, perché all’improvviso tracima il suo desiderio d’amare.

Rudolf, arriva a riconoscere il proprio limite soltanto quando vi sbatte contro, urtando violentemente contro il destino che gli sbarra gli orizzonti.

Victor, in eterna lotta contro ogni destino, ma anche incerto nel riconoscere e nel determinare il proprio, non si lascia travolgere dagli impulsi irrefrenabili, come Rudolf, ma riesce a trovare un varco oltre i limiti dell’amicizia.

Marlenka, la sua fiducia verso gli altri la condanna ad una lunga serie di delusioni, ma questo suo modo di aprirsi la porta a trovare la persona giusta anche quando sa di allontanarlo dalla sua migliore amica.

Janek, vive meccanicamente dove lo porta il lavoro, non ha grandi passioni, è capace di rovinare un rapporto per l’incapacità di guardare oltre la futilità delle apparenze.

Borìs, respira aria e musica, vive grandi amicizie e passioni distillandole con le suggestioni che lo accompagnano ad ogni passo

Martha, un impeto grande come una fiammata, e poi la ricerca della normalità.

Zia Tania, generosa verso gli altri, soprattutto verso chi soffre, oltre ogni immaginazione, solida e allo stesso tempo capace di vedere il mondo come se il male fosse un fenomeno meteorologico, e non l’effetto dell’azione degli uomini.

Helena, l’amica che si fa trovare pronta al momento giusto, l’amica che si lascia coinvolgere in un momento di sbandamento, pronta a partecipare alle vicende che irrompono all’improvviso.

Yankele, semina l’insidia del dubbio, anticonformista, schierato contro ogni certezza, ma attento agli altri, con i quali cerca disperatamente un confronto per evadere dalla solitudine dove si è precipitato

L’uomo astratto, quando Evelìna s’innamora, l’uomo che le è di fronte prende di volta in volta le sembianze dei suoi migliori amici, quelli con i quali il confine tra amicizia e amore è sempre stato per lei invisibilmente presente nella cornice dei suoi quadri. Ma così come è apparso, dopo aver travolto ogni barriera, l’uomo astratto scompare senza dire una parola, e la costringe ad un duro risveglio.

Un capriccio dagli occhi vispi, la ragazza di Trieste che fa una improvvisa breccia nel cuore di Victor e poi sparisce come una sconosciuta.

Il pianista, sornione, partecipa dietro le quinte della vita degli altri, ma poi entra nel vortice e trova la sua compagna. 

Copyright (c)   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso